Prosecco e prolegomeni. Memorie di un filosofo da bar